Insalata di Pimienta

Cari amici dell’Accademia dell’Ottava,

continuiamo il nostro viaggio attraverso la decima sudamericana con un contributo dottorale registrato durante un incontro TEDx svolto a Cadice: il poeta repentista, Alexis Diaz-Pimienta, ha il compito di dover descrivere tutto quello che è successo negli incontri precedenti, fino a quel momento.

Risulta subito evidente che l’ambiente in cui si sono svolte i vari interventi si trasforma da semplice sfondo, comune al poeta e agli uditori, a protagonista delle poesie improvvisate. Molti studiosi affermano proprio che una delle principali caratteristiche del linguaggio sia proprio questa: il linguaggio, con la sua struttura e la sua capacità di plasmarsi in maniera flessibile all’ambiente, permette di razionalizzare e a volte creare una relazione simbiotica tra habitat vissuto e l’ambiente esterno, mutevole[1]. Il linguaggio allora permette di comprendere l’ambiente intorno a noi creando significati, parole, storie; in modo da rendere chiaro, coerente e “domare” tutti gli elementi sconosciuti nel mondo.

Un tratto importante del linguaggio è infatti quello di essere plastico, grazie a processi di categorizzazione analogica. Senza concetti non possono esserci pensieri e senza analogie non avremmo i concetti: ogni concetto che formiamo nella nostra mente è frutto di una lunga serie di analogie che sono state create all’interno del nostro subconscio, durante molti anni. Esse fanno sì che il concetto si formi e continuano ad alimentarlo. Tale attività è dovuta alla necessità di dare un “senso” a qualcosa di ignoto, di nuovo, rapportandolo con qualcosa di già vissuto e visto. E il linguaggio deve nominare tali concetti e esperienze categorizzate. Le categorizzazioni dell’analogia si possono suddividere in base ai seguenti ordini linguistici: nomi, i cui confini semantici delle parole sono ampliati dalle analogie; espressioni idiomatiche; espressioni avverbiali; avverbi temporali; interazioni con il contesto situazionale; analogie inconsce; analogie consce; analogie ingenue; analogie scientifiche[2].

La narrazione poetica allora diventa una sorta di razionalizzazione concettuale di quanto accaduto fino a quel momento: la creazione di versi da parte del nostro poeta genererà in chi lo ascolta l’attivazione di ipotesi necessarie costruire un habitat cognitivo che diventa domestico e controllato proprio grazie alla funzione della lingua. L’enunciazione da parte di un individuo genererà, infatti, nel destinatario l’attivazione di ipotesi necessarie per riprendere l’informazione contestuale; la quale entra nel processo di ragionamento con lo scopo di interpretare il significato dell’enunciato. Parlante e destinatario, allora, costruiscono un contesto condiviso all’interno dello scambio comunicativo; e non a priori, ma pragmatico-cognitivo[3]. Possiamo definire allora il contesto come

“[u]n insieme selezionato di ipotesi ausiliarie registrate nella memoria del dispositivo deduttivo, […] Per ogni nuova informazione possono essere selezionati come contesto diversi insiemi di ipotesi, con diverse origini (memoria a lungo termine, memoria a breve termine, percezione).”[4]

La nuova informazione, quando si inserisce nel processo di ragionamento inferenziale, cambia l’habitat cognitivo di partenza e diviene un contesto nuovo: ogni effetto cognitivo di nuova informazione diventa sempre un effetto contestuale. Gli effetti cognitivi infatti possono modificare l’habitat cognitivo con i nuovi input, consolidando o indebolendo o eliminando (quando non compatibile con la conoscenza precedente) un’informazione nella rappresentazione dell’ambiente esterno[5].

Che fosse proprio il bisogno di comprendere una realtà esterna apparentemente irrazionale e continua, creando categorie, storie, racconti, il motivo del mito e delle grandi narrazioni religiose?

Fino all’ultima poesia, in cui poeta e uditori non tentano più di concettualizzare ciò che è accaduto, bensì ne creano insieme uno ad hoc con elementi suggeriti dal pubblico e uniti dall’improvvisatore.

Elvio Ceci

David Riondino

 

 

Repentismo, improvisacion poetica, decima. En Cuba se canta con instrumento musical, con orquestra de cuerdas y se bebe ron. Aqui se hace a capela y bebiendo agua. Vamos a ver como hacer.

En el Tedx gaditano

algo raro va a pasar:

ha venido a improvisar

un repentista cubano.

Vine desde muy temprano

y me senté en un rincòn.

Y he visto como un ciclon

de gente muy inteligente

me pasaba por el fruente;

me asustaba el corazon.

Lo he visto todo, lo he oìdo,

me he puesto tanto a pensar

que ahora no sé improvisar.

Me siento tan conmovido,

tan asustado, aterido,

que les voy a decir?

Como ponerme a escribir

en el viento lo que pienso

despues de un discurso imenso

que mira hacia el porvenir?

Despues de ver a Veledo,

a Lucia Acaro, y ver

a Javier, el gran Javier,

ya todo me causa miedo.

Esto parece un enredo

de poetas repentista,

que leyendo con la vista

lo que pretende espresar,

se deberia callar

per ser mejor artista.

Pero estoy aqui, es verdad.

He traìdo hasta una mesa;

dal fondo de mi cabeza

saco con celeridad

palabras en cantidad.

Para que la gente entienda

que por mas que yo les venda

el arte del repentismo,

estoy haciendo ahora mismo

una poetica hacienda.

Ahora David me presentò

y en este circulo rojo

voy a ver como recojo

las palabras que él soltò.

Las recojo? Si o no?

Pues yo voy a regojer

ya la palabra “Javier”

y el appellido “Ruibal”,

para saber al final

puedo tambien componer

un nombre y un apellido

en una manera alocada

y atraves de la mirada

dictarsela a el oìdo

para que tenga sentido

que soy improvisador,

que no soy presentador

y no soy un cantante

pero que lo hago bastante

bien; o que incluso es peor

se me quedo allì callado,

sentado casi escondido

y no le doy a el oìdo

un poema improvisado.

Y ya que estoy inspirado,

me emociona este lugar.

Esta forma de versar

con publico inteligente

que mirandome de fruente

me comenza a cojonar.

La “T” de tecnologia

y la “E” de intratenimiento,

la “D” de diseño siento

que me dictan poesia.

La “x” de Alexis habrìa

que averiguar con empeño,

en un lugar tan pequeño

donde tanta luz penetra

porque el peso de mi letra

esta estropeando el diseño.

Se pasò mucho trabajo

pero si hay alternativa

la “x” antes ya iba arriba

y ahora se encuentra debajo.

Debe ser un agasajo

a el que fue el diseñador.

David el presentador

estaba hasta preocupado

e yo a su lado sentado

dije “Dejalo, es mejor”.

La “C” de Cadiz y Cuba,

la “a” de amor y de amistad,

la “d” de diversidad,

la “i” de ingenio y incuba,

la “z” de zoo coadyuba

para aydar a el poeta

que haya una fauna completa

que pueda ayudar a el hombre

y que justifica que el nombre

de Càdiz termine en zeta.

La “U” de universidad,

la “n” de no-me-conviene,

la “i” de interesante tiene

bastante “v”eracidad,

la “e” de espontaneidad,

la “r” de revoluciòn,

la “s” de soluciòn,

la “i” de la inteligencia,

la “t” de la transparencia,

v la “i”-griega de yo, perdòn.

Estos señores ha sido

un poema improvisado,

y el aplauso que me han dado

tal vez me lo he merecido

o ha sido un regalo, un rugido

que la gente me està dando

porqué estoy improvisando

en este circulo rojo

donde hay verbos que regojo

y luego le voy soltando.

 

Muchas gracias.

Repentismo, improvisaciòn poetica, es un arte que yo aprendì tambien con pantalones cortos. No le rompì una guitarra a ningun hermano, robé las palabras y estaba todo el dìa robando palabras a la gente. Por eso mi espectaculo se llama “Ensaladas con Pimienta”. Cada vez que voy por los colegios, por las escuelas y me preguntan que como, como palabras. Palabras a la plancha, palabras crudas, palabras fritas, palabras escalfadas, palabras adjetivos sustantivos preposiciones y los ñiños flipan. Y la palabra es un linguaje, es una comida bastande ecologica, a sì que engorda por dentro y no por fuera.

Entoces yo me traje lo deberes hechos, me traje la mesa ausiliar,me trajelas gafas ausiliares. Entoces porqué me habìa pedido Enrique y me habìa pedido David que improvisara con las cosas que habìan pasado aquì delante de mi. Entoces, es claros, son tantas que he tenido que hacer mi chuleta como mi amigo Ruibal y mi chuleta la he divido en tres ensaladas. Vamos a hacer unas insaladas hasta en concierto (magnifico, espetacular) de Merche Gorisco y luego haré una segunda ensalada con otro grupo de ponentes; y leugo haremos una ensalada entre todo que estan aquì partecipando y a ver si les sientan ben esta ensalada de palabras.

 

Cominenzo diciendo …

 

Me encantan las ensaladas

que presta el vocabulario.

Yo creo que es necesario

que existan otras jornadas

para palabras rimadas

con arte y ecologia.

Lucia Berta lo decìa:

“Ahy ayudenme a soñar,

enseñame a ver el mar”.

Esto si, era poesia.

Esto es el Antropoceno,

es un tempo sostenible

auque parezca imposible,

improvisaresmuybueno.

Yomuchasveces me lleno

de luz cuando voy andando,

baño de bosque[6] buscando,

para empezar a cambiar,

reloj de ielo y de usar

para ver como y hasta cuando

puede una madre de sal

alimentar el planeta

y ayudar a este poeta

que es un repentista oral.

Casi siempre yo al final

busco con la poesia

hacer una sirurgìa

estetica en el momento,

Maria Dolores yo siento

que esto me presta energìa.

Yo busco la perfecciòn

de la sirurgìa plastica

aunque uso una rima drastica

para la improvisaciòn.

El numero “p”, perdòn,

esto si no lo entendì.

Porque a mi el numero “p”

me rebaja la autoestima

y no encuentro una rima

que me quede bien aquì.

Pero no importa, mi amiga,

ya lo dijo a Veledo

que a nada le tiene miedo

el repentista, fatiga

el tiempo pero lo obliga

a hablar muy mal del machismo

audiovisual, ahora mismo

porqué Alexis Diaz-Pimienta

ya pasò por lo cuarenta;

y eso le da un nerviosismo

por el casting y el perfil,

por las cosas que suceden

y aunque yo improvise a redes

me multipliquen por mil

no soy guapo ni gentil,

ni me encuentro muy delgado.

Tengo, cuenta se habràn dado,

tambienel culo caìdo.

Y Estoy bastante aburrido

fofisano me han llamado;

pero no importa: es mejor

crear desde algun vacìo

porque crear es lo mio

soy un improvisador.

Lo dijo con una flor

a la cabeza, esta chica

que con el arpa me explica

las cosas que va a decir,

una arpista que ha de ir

buscando a quien la salpica

del flow, de flujo verbal

para que improvise ella

y se convierte en la estrella

de este momento final.

Hay una malla total,

voy a caer en la malla

para ver si no se calla

el poeta que se queja

sin una argolla en la oreja

que les esteis dando batalla.

Y todo esto ha sucedido

en este mismo lugar

y me ayudò a improvisar:

me ha alimentado el oìdo.

Pero donde ya el sentido

lo perdì, se me desvela

y se rompiò mi espinela

y ya sé que me sienta otro

fue cuando todos nosotros

vimos a Merche y Costela.

Cuando madera de mar

se convertiò en un concierto

y Vior con el pecho abierto

me ayudaba a improvisar.

Y ya voy a terminar

esta primera ensalada

porque si no entiendan nada

de las cosas que improviso,

le pido a todo permiso

para acabar mi jornada.

 

Primera ensalada. Con la primera parte de los ponentes que disfruté muchisimo. Claro, muchas gracias. Yo les dicìa que en Cuba…si en Cuba se enteran que yo he venido a Cadiz a improvisar bebiendo agua y no rom me quitan el carnet de repentista. No me dejar volver a entrar en la isla. Espero que este quede entre nosotros. Y si se enteran que ademas voy por allì improvisando a capela y a hablado tambien entro en un problema porque esto se hace cantado y con acopañamento instrumental, las controversias de los juaìros en le campo.Y aunque yo no soy del campo, he eredado de mi padre esta tradicion con pantalones cortos como Javier Ruibal, los pantalones me crecieron, la improvisacion creo tambien un poquito y les voy a inseñar como se canta en Cuba, como se puede cantar la decima. Hay muchas variedades, pero una de ellas es esta. Y dice asì:

 

Con la torpeza de un hombre

que se levanta dormido,

va mi segundo apellido

tras ser el primero y mi nombre.

Nunca falta quien se asombre

quien se burle o quien se rìa

pero no lo cambiarìa

por unos menos risible,

porqué ser incorrutible,

guardian de mi poesia.

 

Hay quien pensa que es apodo,

hay quien pensa que es nombrete

mi apellido que promete

ponerle picante a todo.

Y mi apellido acomodo

todo lo que me alimenta

y como me he dado cuenta

que asì las cosas consigo,

a todos el que ande conmigo

le voy a poner pimenta.

 

 

Repentismo, improvvisazione poetica, decima. A Cuba si canta con uno strumento musicale, con una orchestra di strumenti a corda e si beve rum. Qui si canta a cappellae bevendo acqua. Vediamo come si può fare.

Nel TEDx di Cadice

Qualcosa di strano passerà:

ha dovuto improvvisare

un repentista cubano.

Venni molto presto

e mi sedetti in un angolo.

E ho visto come un ciclone

di gente molto intelligente

mi passava di fronte:

si impauriva il cuore.

Ho visto tutto, l’ho ascoltato,

mi sono messo a pensare

che ora non so improvvisare.

Mi sento tanto commosso,

tanto impaurito, terrorizzato:

cosa le andrò a dire?

Come mettermi a scrivere

nel vento quello che penso

dopo di un discorso immenso

che guarda verso il futuro?

Dopo aver visto Veledo,

a Lucia Acaro e vedere

Javier, il grande Javier,

e tutto mi fa paura.

Questo mi sembra un groviglio

di poeti repentisti,

che leggendo con la vista

quello che vuole esprimere,

si dovrebbre stare in silenzio

per essere un miglior artista.

Però ora sono qui, è vero.

Ho portato persino un tavolo.

Dal fondo della mia testa

tiro fuori velocemente,

parole in quantità.

Affinché la gente comprenda

che per quanto le venda

l’arte del repentismo,

sto facendo ora stesso

una poetica industria.

Ora David mi presentò

e in questo circolo rosso

vediamo come raccolgo

le parole che lui liberò.

Le raccolgo? Si o no?

Così vado a raccogliere

già la parola “Javier”

e il cognome “Ruibal”,

per sapere alla fine

che posso anche comporre

un nome e un cognome

in un modo sconsiderato

e attraverso lo sguardo

dettarlo all’ascolto

affinché tenga senso

che sono improvvisatore

che non sono improvvisatore

e non sono un cantante

pero quello lo faccio abbastanza

bene o che incluso è peggio

se rimango qui silenzioso,

seduto quasi nascosto

e non lo darò all’ascolto

un poema improvvisato.

E ora che sono ispirato,

mi emoziona questo luogo.

Questa forma di verseggiare

con un pubblico intelligente

che guardandomi di fronte

mi comincia a impaurire.

La “T” di tecnologia

E la “E” di intrattenimento,

la “D di disegno sento

che mi della poesia.

La “x” di Alexis dovrà

cercare con impegno

in un luogo molto piccolo

dove tanta luce penetra

perché il peso della mia lettera

sta rovinando il disegno.

Si impegno molto lavoro

Però se c’è alternativa

La “x” andava verso sopra

e ora si trova  di sotto.

Deve essere un festa

per chi fu il disegnatore.

David il presentatore

era perfino preoccupato

e io al suo lato seduto

dissi “Lascialo, è meglio”.

La “C” di Cadice e Cuba.

La “a” di amore e amicizia.

La “d” di diversità.

La “i” di ingegno e incuba,

la “z” di zoo coadiuva

per aiutare al poeta

affiché abbia una fauna completa

che possa aiutare all’uomo

e che giustifichi che il nome

di Cadice termini per zeta.

La “U” di università.

La “n” di non-mi-conviene.

La “i” di interessante possiede

abbastanza “v”eracità.

La “e” di spontaneità.

La “r” di rivoluzione.

La “s” di soluzione.

La “i” della intelligenza.

La “t” della trasparenza.

E la y greca di io, scusare.

Questo signori è stato

un poema improvvisato

e l’applauso che mi hanno dato

forse me lo sono meritato

o è stato un regalo, un ruggito

che la gente mi sta dando

perché sto improvvisando

in questo circolo rosso

dove ci sono verbi che raccolgo

e presto li andrò liberando.

 

Grazie mille.

Il repentismo, l’improvvisazione poetica, è un’arte che appresi anche io quando avevo i pantaloni corti. Non ho rotto una chitarra a nessun fratello; ma rubavo parole e stavo tutto il giorno rubando palore alle persone. Per questo il mio spettacolo si chiama “Insate con peperoncino” (Pimienta è il cognome dell’artista). Ogni volta che vado nelle scuole e mi domandano cosa mangio, io mangio parola: parole alla piastra, parole crude, parole fritte, parole in camicia, parole aggettivi sostantivi preposizioni e i bambini impazziscono. E la parola è un alinguaggio, è un cibo abbastanza ecologico e così uno ingrassa dentro di sé e non fuori.

Quindi io mi portai i compiti per casa fatti. Mi portai un tavolino ausiliario, mi portai gli occhiali ausiliari. Quindi perché mi aveva chiesto Enrique e mi aveva chiesto David che improvvissasi con le cose che fossero successe qui di fronte a me. Quindi, è chiaro, sono così tante che ho dovuto prendere degli appunti come il mio amico Ruibal e gli appunti li ho divisi in tre insalate. Faremo una insalata fino al concerto (magnifico, spettacolare) di Merche Gorisco e poi farò una seconda insalata con l’altro gruppo dioratori e poi fare una insalata e poi fare una insalata tra tutti quelli che stanno partecipando qui e vediamo se viene fuori bene anche questa insalata di parole.

 

Comincio dicendo…

 

Mi piacciono le insalate

che dona il vocabolario.

Credo che è necessario

che esistano altre giornate

per le parole rimate

con arte e ecologia.

Lucia Berta lo diceva:

“Ahi, aiutami a sognare,

insegnami a vedere il mare”.

Questo si che era poesia.

Questo è l’Antropocene,

è un tempo sostenibile;

anche se sembra impossibile

improvvisare è molto buono.

Molte volte mi riempio

di luce quando sto camminando

un bagno di bosco cercando,

affinché inizi a cambiare

l’orologio di ghiaccio e a usare

per vedere come e fino a quando

può una madre di sale

alimentare al pianeta

e aiutare a questo poeta

che è un repentista orale.

Quasi sempre io alla fine

cerco con la poesia

di fare una chirurgia

estetica sul momento.

MariaDolores, io sento

che questo mi da energia.

Cerco la perfezione

della chirurgia plastica

anche se uso una rima drastica

per la improvvisazione.

Il numero p, scusate,

questo si non lo compresi.

Perché a me il numero p

mi abbassa l’autostima

e non trovo una rima

che risulti buona qui.

Però non mi importa, amica mia,

l’ho già detto Veledo

che di nulla ha paura

il repentista: fatica

il tempo però lo obbliga

a parlare molto male del maschilismo

audiovisivo, proprio adesso

perché Alexis Diaz-Pimineta

superò già i quaranta

e questo lo innervosisce

per il casting e il profilo

per le cose che accadono;

e anche se improvvisi in rete

e mi moltiplichino per mille,

io non sono bello, ne gentile,

ne mi trovo molto magro.

Ho, vi sarete dati conto,

anche il culo calato.

E mi sento abbastanza annoiato,

“fofisano”[7] mi hanno chiamato.

Però non mi importa: è meglio

creare da qualche vuoto

perché è creare del mio,

sono un improvvisatore.

Lo disse con un fiore

in testa, questa ragazza

che con l’arpa mi spiega

le cose che sta per dire;

un’arpista che deve andare

cercando a chi le spruzza

del flow, del flusso verbale

affinché improvvisi lei

e si converti nella stella

di questo momento finale.

C’è un costume totale,

cadrò nel costume

per vedere se non si azzittisce

il poeta che si lamenta

senza un anello all’orecchio

che vi state dando battaglia.

E tutto questo è successo

in questo stesso luogo

e mi aiutò a improvvisare:

mi ha alimentato l’ascolto.

Però dove ancora il significato

persi, ebbi una rivelazione

e si ruppe la mia “espinela” (decima)

e già seppi che mi sentì un altro,

fu quando tutti noi

vedemmo a Merche e Costela.

Quando legno di mare

si convertì in un concerto

e Vior con il petto aperto

mi aiutava a improvvisare.

E già sto per terminare

questa prima insalata

perché se non comprendono nulla

delle cose che improvviso

le chiedo a tutti permesso

per termina la mia giornata.

 

Prima insalata. Con la prima parte degli oratori che mi gustai moltissimo. Chiaro, grazie mille. Vi dicevo che in Cuba… se in Cuba realizzano che sono venuto a Cadice a improvvisare, bevendo acqua e non rum, mi tolgono la tessera di repentista (improvvisatore). Non mi lasciano più tornare sull’isola. Spero che questo rimanga tra noi. E se vengono a sapere che poi sto improvvisando a cappella e parlando, sarà un problema perché questo si fa cantando e con l’accompagnamento di strumenti musicali, le controvesie dei juaìros nella campagna. E anche se io non vengo dalla campagna, l’ho ereditata da mio padre questa tradizione, con i pantaloni corti come Javier Ruibal. I pantaloni mi crebbero, l’improvvisazione credo anche un po’ e vi mostro come si canta a Cuba, come si può cantare la decima. Ci sono molte varietà, però una di quelle è questa e dice così:

 

 

Con la goffagine di un uomo

che si sveglia addormentato,

va il mio secondo cognome

dopo essere stato il primo e il mio nome.

Non manca chi si stupisce

Chi si burla o chi ne rida

Però non lo cambierei

Per quelli meno risibili;

perché è un essere incorrittibile,

guardiano della mia poesia.

C’è chi pensa che sia un soprannome,

c’è chi pensa che sia un nomignolo,

il mio cognome che promette

di mettere il piccante a tutto.

E il mio cognome sistema

tutto quello che mi alimenta.

E quando mi sono reso conto

che così le cose riescono,

a tutti quelli che vengono con me

gli metterò peperoncino.

 

 

 

12:00
Muchas gracias.

En Cuba hay un refran que dice que “si no hay pan, casabe!”. El casabe era el pan de los indìgenas antes de la llegada de Colòn y se quedò como un refràn popular que cuando no hay casabe, asi que no hay ron hay que tomar agua y te sientes como si tuvieras en la patria. Un traito de agua.

Vamos con la secunda ensalada. La ensalada de la segunda parte, los secundos ponentes y a ver còmo queda.

Estabamos alinear destacò un poquito mas de pimienta. Dice…

 

“Después de haberme bebido

unsorbito de agua frìa,

vereissi la poesìa

gana en mayor contenido,

en lirismo sostenido,

en otra forma de ser,

inescrutable. Hay que ver

si aquì la improvisaciòn

se mueve como un fotòn

entre el mañana y ayer.

 

Espejo convencional

repiteme donde estoy

y dime por fin si voy

o no voy hasta el final,

porqué yo sé que es igual

que ese rayo reflejado

del poema improvisado

en esta regiòn atlantica

tenga mecanica quantica

que yo no habìa pensado.

Rayo làser o fotòn

ayùdame a hacer yo mismo

que improvisa el repentismo

el espìn del electròn;

que toda mi esta actuaciòn

nadie cree que el lenguaje

es un juego de espionaje,

porque yo puedo crecer

y mas tarde componer

con palabras el paisaje,

o puedo incluso ponerme

tan kitschcon esta belleza

con un sirope de fresa

y yo igual de kitsch hacerme

puedo incluso yo moverme

como si fuera una jaca.

Es verdad que esta no es flaca

no es la jaca de diseño

de alguien a quien yo le enseño

mi poesìa; a laraja

de poeta repentista

que dibuja una madona

y que viene en esta zona

a saber que es un artista

que ha pintado con la vista

algùn gato de rosado.

Ma no importa.Acostumbrado

a mirar el gato rosa,

puedo hacer aqui otra cosa

que tambièn hoy me ha ispirado:

dejo mi disfraz de hortera

y comienzo ahora a escuchar

a Cristina Yan cantar.

Y esto se hace primavera:

esa muchacha extranjera

que es rubia como los trigos

y que va buscando amigos

a travès de una guitarra

y que el alma desamarra,

los pome ustedes de testigo

que se si pierde un tren

se encuentra un amigo nuevo

y entonces llega el relevo

de la luz en cada cien

y yo la escucho tambien

sentado en aquel rincon.

Viva la equivocaciòn

de trenes en el destino

que va tejiendo un camino

de emocion, de remocion

porque, claro, si yo fuera

testigo de aquel encuentro

me harìa un selfie por dentro

para ver ella por fuera.

Porqué la unica manera

de volverse repentista

en vez de ser narcisista,

y el palo de selfie en alto

y dejar sobre el asalto

la rima que me conquista

la mascara del ponente

ya me la voy a quitar

para ponerme a versar

de repente. ¿De repente,

cara de pato?  ¿Esta gente

esta viendo que el mulato

ha puesto cara de pato?

¿La cara de un pato negro?

Lo importante es que me alegro

y yo mismo me contrato

para las redes sociales,

poner una foto mìa

dar la cara a todo el dìa.

Y ustedes son tan geniales

que en sitios espirituales,

mirando su inteligencia,

comparto con la co-presencia,

come decìa Lucia, co-presencia:

cara mìa, publico, gran concurrencia.

En esta foto han salido

todos con muy buena cara,

esta foto lo declara

lo que en el pecho he traìdo

y me encuentro conmovido

porqué yo soy un poeta

que me traje unaschuletas,

igual de Javier Ruibal.

Y ya ven llegué al final.

Hize la rueda completa.

Yo no tuve una guitarra,

nì a un hermano mayor

que quiso ser tocador

y me dejaba en la barra

del silencio, en cada farra.

Con mis cortos pantalones

no tuve por los rincones

que curtir la inteligencia

con esa desobedencia

que tu das en tus canciones.

Paul McCartney no me ha visto

ni me ha invitado a cantar,

pero yo puedo rimar

pues como si fuera alguien listo

y aprender que no soy Cristo

pero puedo resolver

esos problemas de ayer

en el ahora, ahora mismo

y aprender con repentismo

tambien a no obedecer

porqué oyendo a tus canciones,

amigo Javier Ruibal,

quien no quiere que al final

les salgantantosfotones

y liricoselectrones

que contamine a la gente

y que en cualquier continente

pueda haber un repentista

que se vuelva guitarrista

del puerto, que es diferente.

Puerto de Santamaria,

cuando se tiene a un Javier

que pone a componer

en Enstambul cualquier dia

y que recorre la vìa

del tiempo de lado a lado,

no se puede estar callado

en una silla escondido

cuando le llega al oìdo

las cosas que èl ha contado,

por eso agradezco tanto

que me hayan hecho versar

y ponerme a improvisar

frente a alguien que me agiganto

si lo veo y me suplanto

si no lo veo y lo miro

y lo respeto y lo admiro.

Por eso yo soy cubano

y le voy a dar la mano

porque son cosas de guajiro.

 

Segunda ensalada. Muy bien. La tercera.

Es la que mas me gusta porque es la que ustedes dejan de ser comenzales pasivos y  comenzan a ser comenzales activos: co-comenzales.

Y ahora voy a pedirle un ayuda a Charol que me haga da asistente para que ustedes me dicten las palabras de esta ensalada. Esta ensaladala vamos a hacer con las palabras que ustedes, sobre lo que ha pasado aquì, las palabras que ustedes quieren destacar, ella la va apuntando, me da la lista, y vamos a hacer una tercera ensalada con las palabras que ustedes quieran.

Comenzamos con el juego. Primera palabra: “Luz”. Segunda palabra. Como?: “emocion”. Pueden ser palabras y personajes literarios, historicos imaginarios, musicales, pintoricos, filosoficos.

Estas haciendo la decima tu? “emocion, corazon” Si despues de “Luz” me dices “Andaluz”, me bajo de lo escenario. “Agradecimiento”, “Rembrant”, “Chipirones”, “Lola Flores”, “Alicia”, “gambas”.

La ensalada se va ponendo ya, con mas corpo.

Como? “Camela”, “Ines Rosales”, “Kitsch”, “nutria”, “Jamaica”, “flamenca”, “malecòn”, Alguna mas? “superposicion”, Que no falte…y la ultima “guaguancò” que lleguò de aquel rincon. Ademas que la pone un voluntario, me encantan los voluntarios, me encanta como la gente trabaja. Allì va el esistente, va por la nutria? Si lo termina de copiarme las palabras, decide eso: cuando hay muy poca gente, habeis oido la palabra “repentismo” antes; y la palabra “repentista”.

Hay muchos improvisadores en todo el mundo con distintos nombres: en el corno sur Americanos “los payadores” de Argentina Uruguay y Chile; los “guapangueros” de Mexico, los “cantores de mejorana” en Panama; “repentistas” en Cuba y Brasil; si nos vamos en Espana los “regueyferos” gallegos; los “Betsolari” en bascos; los “trobeiros” de Andalucia y Murcia; los “versadores” de Canarias; si nos vamos en Italia los “cantastorie” de Toscana; los improvisadores del “motetu sardu” en Sardegna.

Todas son formas de improvisacion poetica con distinta estrofa, distinta melodia, distinta nombre, distintos instrumentos; pero todos ses pertenecen en un mismo corpo artistico, digamos, que tienen siglos de desobediencia, siglos de sobrevivencia artistica, muchas veces a las espaldas de las instituciones y de la academia y sobretodo del gran aparado de los poderes culturales fàcticos.

Vamos allà, sin versos de transicion. Les voy a decir los ingredientes que ustedes han puesto en esta tercera ensalada: Luz, Emocion, Corazon, Agradecimento, Rembrandt, Chipirones, Alicia, Gambas, Camelar, Lola Flores, Nutria, Flamenca, Malecòn, Superposiciòn, Ignes Rosales, Guaguancò, Jamaica,…ah bueno Jamaica era la penultima.

 

Hacemos otra vez el juego imaginario, nos vamos a Cuba. Esto viaje a Cuba asì baratisimo, me encanta. Dice…

 

Esta tercera ensalada

tiene mejor condimento,

tiene mejor alimento.

A mi non me costò nada

copiarla ya redactada

una agenda me la han dado.

Las palabras son recado

del publico que me mira

e esta decima guajira

es el ultimo pecado

de un poeta que improvisa

con los verbos de la gente;

que improvisa de repente;

que hace sin tener, la atiza

una escritura y adivisa

atraves de la escritura

esa oral literatura

que venìa del ayer

y que empieza a componer

con velocidad, soltura,

como la luz de la mente

que atraviesa este salòn,

como un rayo de emociòn

que me toca de repente

y en el corazon se siente

cuando yo en este momento

dicto el agredecimiento

a la gente que me invita;

que Rembrandt me necesita

para pintar: él presiente

que sin mi no pinta bien

que necesita el pintor

algun improvisador

que moja el dedo en su cien

y que empieze a pintar tambien

por diferente rincones.

Y un plato de chipirrones

para Rembrandt hay que dar

porque él ha descubierto el mar

en gaditanos rincones.

Si Rembrandt prueba al momento

un chipirròn gaditano

y Alicia le da la mano,

Rembrandt se pone contento.

Que hayan gambas yo presiento

que tambien han da gustar

y que la pueda probar

aquì donde se sincera

y se trabaja y se camela

a todos los que vienen a actuar.

Puede ser que Lola Flores

en Jerez se diera cuenta

de que ha venido Pimienta

a alimentar los senores

y pida a otros cantaores

que vengan en este lugar;

y que se pongan a escuchar

una nutria por allì

y que diga: “Estoy aqui         ,

yo quiero partecipar”

E que esta nutria que sea

flamenca  igual que la Lola

y que hable lengua espanola

y comprenda esta idea,

cuando improvisar me vea

tomando agua en vez que ron,

me recuerda el malecòn.

Y me diga en el futuro

“No vas a tocar el muro

ni con superposiciòn,

porque estàs en los locales

de la tierra Gaditana

y muy lejos de la Avana

y comiendo Ines Rosales.

Yo creo que estos mentales

enredos que estas haciendo

nien Jamaica se estan viendo

ni en Jamaica pueden verse.

Y tendrian que ponerse

de acuerdoquienes tejiendo

van losTedXpor el mundo,

de que puede el hombre hacer

un Guaguancò y comprender

que este baile profundo,

en este baile iracundo,

en este baile africano

en el suelo gaditano

cuando el poeta trabaja

baja baja baja baja

con una agenda en la mano.

Y si bailo Guaguancò

y si en Jamaica me voy

y se puedo cantar hoy

como le improviso yo,

Ines Rosales me diò

la dolzura que tenìa,

superposicion habrìa

que poner en un rincòn:

en la superposicion

la pongo mi poesia.

El malecon me ha mirado

y aquella nutria flamenca

que sabe que una cuenca

de poema improvisado

cabe lo que en el pasado

que Lola Flores me pidiò

y entonces me camelò

lo que alguien no me camela

y las gambas y las espinela

las contamina. ¿Quien no

se contamina muy bien

con unas gambas bien hecha?

Y, Alicia, graba esta fecha

para que vengan tambien

loschipirrones de quien

medictòloschipirrones.

Puedeserquenenlosrincones

donde Rembrandt nos han pintados,

tengan versos improvisados

que me llenan de emociones.

Vayan mi agradecimientos

a todos los que me dictò

las palabras que ahora yo

estoy leyendo en el viento.

Y me siento tan contento

que la luz me da en la fruente

e yo puedo de repente

derrochar muchas emociòn;

por poner mi corazòn

ael servicio de la gente.

 

Mucha gracia, mucha gracias de verdad un honor y una fiesta para mi partecipar en una fiesta de la inteligencia como esta. Chao, Mucha gracias.

 

 

Grazie mille.

A Cuba esiste un ritornello che dice che “se non c’è pane, casabe!”. Il casabe era il pane degli indigeni prima dell’arrivo di Colombo e rimase come ritornello popolare che quando non c’è casabe, così se non c’è rum si deve bere acqua e ti senti come se fossi in patria. Un sorso d’acqua.

Andiamo con la seconda insalata. L’insalata della seconda parte, i secondi oratori e vediamo come viene.

Stavamo allineandoci con un po’ più di pepe. Dice…

 

 

Dopo aver bevuto

un sorsetto di acqua fredda,

vedetese la poesia

guadagna in maggior contenuto,

in lirismo sostenuto,

in un’altra forma di essere,

inscrutabile. Bisogna vedere

se qui l’improvvisazione

si muove como un fotone

tra il domani e lo ieri.

 

Specchio convenzionale

ripetimi dove sono

e dimmi infine se vado

o no fino al finale,

perché se io so che è uguale

che questo raggio riflesso

del poema improvvisato

in questa regione atlantica

tenga una meccanica quantica

che io non avevo pensato.

Raggio laser o fotone

aiutami a fare di me stesso,

que improvvisa il repentismo,

lo spin di un elettrone;

che in tutta questa attuazione

nessuno crede che il linguaggio

è un gioco di spionaggio,

perché io posso crescere

e più tardi comporre

con parole il paesaggio,

o posso incluso esserekitsch

che questa bellezza

con uno sciroppo di fragola

e io ugualemente kitsch farmi

posso incluso muovermi

como si fossi un ronzino.

È vero che questa non è magro

Non è il ronzino disegnato

di qualcuno a cui ho insegnato

la mia poesia; al taglio

del poeta repentista

che disegna una madonna

e che viene in questa zona

a sapere che è un artista

che ha pitturato con la vista

qualche gatto di rosa.

Ma non importa. Abituato

a vedere il gatto rosa,

posso far qui un’altra cosa

che mi oggi mi ha ispirato:

lascio il mio vestito pacchiano

e inizia ora ad ascoltare

a Cristian Jan cantare.

E questo crea Primavera:

questa ragazza straniera

che è bionda come il grano

e che va cercando amici

attraverso una chitarra

e che l’anima fa salpare,

pone voi come testimone

che se si perde un treno

si incontra si incontra un amigo

e quindi arriva il cambiamento

della luce ogni cento anni

e io la ascolto pure

seduto in ogni angolo.

Viva l’equivocarsi

di treni nel destino

che va tessendo un cammino

di emozione, di rimozione

perché, chiaro, se io fossi

testimone di quell’incontro

mi fari un selfie da dentro

per vedere lei da fuori.

Perché l’unica maniera

di diventare repentista

invece di essere narcisista,

e il palo da selfie in alto

e lasciare sopra l’assalto

la rima che mi conquista

la maschera del relatore

già me la sto togliendo

per mettermi a verseggiare

all’improvviso. All’improvviso,

faccia da papero? Questa gente

sta vedendo che un mulatto

ha fatto una faccia da papero?

Faccia di una papero nero?

L’importante è che mi rallegro

e io stesso la assumo

per i social network,

pongo una foto mia

fare la faccia tutto il giorno.

E voi siete tanto geniali

che in siti spirituali,

osservando l’intelligenza,

condivido con la co-presenza,

come disse Lucia, co-presenza:

volto mio, pubblico, grande concorrenza.

In questa foto sono venuti

tutti bene nel volto,

questa foto lo dichiara

quello che in petto ho portato

e mi ritrovo commosso

perché sono un poeta

che mi porto degli appunti,

come Javier Ruibal.

E già giunsi alla fine.

Ho fatto il giro completo.

Io non avevo una chitarra,

ne un fratello maggiore

che voleva essere tocador

e mi lasciava al bancone

del silenzio, in ogni festa.

Con i miei corti pantaloni

non dovetti per gli angoli

bruciare l’intelligenza

con questa disobbedienza

che ti mi dai nella canzoni.

Paul McCartney non mi ha visto

ne mi ha invitato a cantare,

pero non posso rimare

come se fossi qualcuno sveglio

e apprendere che non sono Cristo;

pero posso risolvere

questi problemi di ieri

nell’ora, ora stesso

e apprender con repentismo

aanceh a non obbedire

perchéascoltando le tue canzoni,

amico Javier Ruibal,

chi non vuole che alla fine

le vengan fuori tanti fotoni

e lirici elettroni

che contaminano la gente

e che in qualsiasi continente

possa avere un repentista

che diventi un chitarrista

del porto, che è differente.

Porto di Santamaria,

quando si ha un Javier

che inizia a comporre

in Istanbul, un qualsiasi giorno

e que percorre la via

del tempo da lato a lato,

non si può star in silenzio

su una sedia nascosto

quando arriva all’orecchio

le cose che lui ha raccontato,

per questo ringrazio tanto

mi hanno fatto verseggiare

e mettermi a improvvisare

di fronte a gente che mi ingrandisce

se li vedo e mi sostituisco

se non lo vedo e lo guardo

e lo rispetto e lo ammiro.

Per questo io sono cubano

e le vado a dare una mano

perché sono cose di guajiro.

 

Seconda insalata. Molto bene. La terza. È quella che mi piace di più, perché è quella che voi smettete di essere di essere commensali passivi e cominciate a essere comensali attivi: co-comensali.

E ora chiederò aiuto a Charol che mi faccia da assistente affinché voi mi diciate le parole di questa insalata.  Questa insalata la faremo con le parole che voi, in base a quello che è accaduto qui, le parole che voy volete staccare, lei la va scrivendo, mi da la lista e faremo la terza insalata come le parole che voi volete.

Cominciamo co nil gioco. Prima parola: “Luce”. Seconda parola… come? “Emozione”. Possono essere parole e personaggi letterari, storici, immaginari, musicali, pittorici, filosofici.

Stai facendo la decima tu? “Emozione, cuore”. Se dopo di Luce mi dici Andaluso, scendo dal palcoscenico. “Gratitudine”, “Rembrandt”, “Calamaretti”, “Lola Flores”, “Alicia”, “Gamberetti”.

L’insalata si va componendo già, con più corpo. Come? “Corteggiare”, “Ines Rosales”, “kitsch”, “nutria”, “Jamaica”, “flamenca”, “lungomare”. Qualche altra? “Superposizione”, che non manchi… e l’ultima “guaguancò”, che arrivò da quell’angolo. In più la proporne un volontario, mi piaccioni i volontari, mi piace come la gente lavora. Ora arriva l’assistente… vai per la nutria? Se lui termina di copiarmi le parole, decide questo. Quando c’è molta poca gente… immaginato che avete sentito la parola repentismo prima; e la parola repentista.

Ci sono molti improvvisatori in tutto il mondo con nomi distinti: nel corno sudamericano, los payadores dell’Argentina, Uruguay e Cile; los Huapangueros del Messico; i cantores de mejorana in Panama; repentista in Cuba e Brasile; se andiamo in Spagna, regueyferos galleghi; i betsolari nei Paesi Baschi; i trobeiros dell’Andalusia e di Mursia; i versadores delle Canarie. Se andiamo in Italia i cantastorie di Toscana; gli improvvisatori del motetu sardu in Sardegna.

Tutte sono forme di improvvisazione poetica con strofa differente, differente melodia, differente nome, differenti strumenti. Però tutti riguardano in uno stesso corpo artistico, diciamo, che ha secoli di disobbedienza, secoli di sopravvivenza artistica, molte volte alle spalle delle istituzioni e dell’Accademia e soprattutto del grande apparato dei poteri culturali, fattivo.

Iniziamo, senza versi di transizione. Vi dico gli ingredienti che voi avete messo in questa terza insalata: “luce, emozione, cuore, gratitudine, Rembrandt, calamaretti, Alicia, gamberetti, corteggiare, Lola Flores, nutria, flamenca, lungomare, superposizione, Ignes Rosales, guaguancò, Jamaica.. ha bene, “Jamaica” era la penultima.

 

Iniziamo nuovamente il gioco immaginario, andiamo a Cuba. Questo viaggio così economico mi piace. Dice…

 

 

 

 

 

 

Questa terza insalata

ha un miglior condimento,

ha un miglio almento.

A me non costo niente

copiarla, già radatta

un’agenda mi hanno dato.

Le parole sono commissioni

del pubblico che mi guarda

e questa decima guajira

è l’ultimo peccato

di un poeta che improvvisa

con i verbi della gente;

che improvvisa rapidamente;

che crea senza freni, la attiza

una scrittura e adivina

attraveros la scrittura

questa orale letteratura

che venica dallo ieri

e che inizia a comporre

con velocità, scioltezza,

come la luce della menta

che attraversa questo salone,

come un raggio di emozione

che mi tocca improvvisamente

e il cuore si sente

quando io in questo momento

detto la gratitudine

alla gente che mi invita;

che Rembrandt mi necessita

per dipindere: lui presente

che senza no mi dipinge bene

che necessita il pittore

qualche improvvisatore

che bagni il dito nella sua tempia

e che inizi anche a dipingere

per differenti angoli.

E un piatto di calamaretti

per Rembrandt bisogna dare,

perché lui ha scoperto il mare

nei gaditani angoli.

Se Rembrandt prova al momento

un calamaretto gaditano

e Alicia gli da la mano,

Rembrandt diventa contento.

Chi si abbiano gamberetti, io prevedo

che devo devono essere provati

e che li possa provare

qui dove ci si sincera

e si lavora e si corteggia

a tutti quelli che vengno a performare.

Può essere che Lola Flores

in Jerez si diede conto

che è venuto Pimienta

ad alimentare i signori

e chieda a tutti i cantaores

che vengino in questo posto;

e se inizino ad ascoltare

una nutria laggiù

e che mi dica: “Sono qui

e non voglio parteciapare”.

E che questa nutria che sia

flamenca proprio come Lola

e che parli lingua spagnola

e compreda questa idea,

quando mi veda improvvisare

bevendo acqua e non rum,

mi ricorda il lungomare.

E mi dica nel futuro:

“Non toccarai il muro

ne con superposizione,

perché sei nei luoghi

della terra gaditana

e molto lontano dell’Havana

e mangiando Ines Rosales.

Io credo che questi mentali

grovigli che stai facendo

neanche inGiamaica li stanno vedendo,

e neanche in Giamaica comprendono.

E dovranno mettersi

d’accordo quelli che  tessendo

vanno i TedX per il mondo,

su cosa possa l’uomo fare

un guaguancò e comprendere

che questo ballo profondo,

questo ballo iracondo,

questo ballo africano

nel suolo gaditano

quando il poeta lavora

scende scende scende scende

con una agenda in mano.

E se ballo guaguancò

e se in Giamaica vado

e se posso cantare oggi

come gli improvviso io,

Ines Rosales mi diede

la dolcezza che possedeva,

superposicion avrà

di mettere in un angolo:

nella superposizione

vi pongo la mia poesia.

Il lungomare mi ha guardato

e quella nutria flamenca

che sa che in una valle

di poema improvvisato

entra quello che in passato

Lola Flores mi chiese

e quindi di me si dilegiò

colui che non mi corteggia

e i gamberetti e la espinela

contamina. Chi non

si contamina molto bene

con dei gamberetti ben fatti?

E, Alicia, registra questa data

affinché vengano anche

i calamaretti di chi

mi detto i calamaretti.

Può essere che nei luoghi

in cui Rembrandt ci dipinse,

tengano versi improvvisati

che mi riempiono di emozione.

Vadano i miei ringraziamenti

a tutti quelle che mi dettarono

le parole che ora io

sto leggendo nel vento.

E mi sento tanto contento

della luce in fronte

e posso improvvisamente

sperperare molta emozione;

mettere il mio cuore

al servizio della gente.

 

Grazie mille, grazie mille veramente. Un onore e una festa per me partecipare in questa festa dell’intelligenza, come questa.

Ciao, Grazie mille.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Con “ambiente” e “habitat” intendo due nozioni differenti: il primo consiste nella totalità dei fenomeni che caratterizzano la realtà esterna; con il secondo, le modifiche e i cambiamenti che un essere vivente opera per la sua sopravvivenza. L’uomo è capace di ricreare un proprio habitat in cui vivere, anche in contesti in cui l’ambiente non lo permette (astronauti nello spazio)

[2]Hofstadter D. , E. Sander ,SUPERFICI ED ESSENZE. L’analogia come cuore pulsante del pensiero, , Codice edizioni, Torino, 2015.

[3]Scott-Phillips T., DI’ QUELLO CHE HAI IN MENTE. Le origini della comunicazione umana, Carocci editore, Roma, 2017 (ed. ingl. Speaking Our Minds).

[4]Wilson D., D. Sperber, “LINGUISTIC FORM AND RELEVANCE”,Lingua,90,1993: 1-25.

[5]Michelini M, Viola R (2011). “Research-oriented training for Italian teachers involved in European MOSEM Project”, Il NuovoCimento, 34 (5), pp. 255-275

[6]Stanchi della città, i giapponesi hanno il consiglio dei medici di farsi un “bagno di bosco”

[7]Persone un cicciotto ma di buona salute.

Questo inserimento è stato pubblicato in approfondimenti, Convegni, Spettacoli e il tag , . Metti un segnalibro su permalink.